USB multiboot – parte 3/3

usb multiboot linux

Eccomi di ritorno con la terza ed ultima parte di questa guida. Ora che è chiaro (eheh, come no!) il funzionamento di Grub4DOS e del file menu.lst, vediamo come aggiungere altre iso e come personalizzare l’interfaccia.

Ci sono distribuzioni che ho inserito con successo nella nostra chiavetta multiboot, altre no perché non le uso personalmente e non le installo ad altre persone, se vi serve una distro in particolare segnalatemi quale e vedrò di studiarne la configurazione di avvio. Vediamo ora quali possiamo già inserire nel menu.lst, si intende in tutte le versione e sia a 32bit che 64bit: Ubuntu, Kubuntu, Xubuntu, Lubuntu, Linux Mint (GNOME, KDE, Lxde, Xfce), Puppy Linux 4.31.

Per Ubuntu abbiamo già visto come fare, le sue derivate si configurano allo stesso modo, solo ovviamente cambiando il nome della iso in tutti i campi dove compare:

title Kubuntu 10.10 – 32bit
find –set-root /ISO/kubuntu-10.10-desktop-i386.iso
map /ISO/kubuntu-10.10-desktop-i386.iso (0xff)
map –hook
root (0xff)
kernel /casper/vmlinuz file=/cdrom/preseed/ubuntu.seed boot=casper iso-scan/filename=/ISO/kubuntu-10.10-desktop-i386.iso quiet splash —
initrd /casper/initrd.lz
boot

Linux Mint stesso discorso, ma attenzione: ubuntu.seed va cambiato con mint.seed.

Puppy Linux 4.31 è più elementare ma segue la stessa logica. In più dovrete però estrarre il file pup-431.sfs dalla iso e metterlo nella chiavetta, altrimenti in fase di boot non verrà trovato.

title Puppy Linux 4.3.1
find –set-root /ISO/puppy.iso
map /ISO/puppy.iso (0xff)
map –hook
root (0xff)
kernel /vmlinuz
initrd /initrd.gz
boot

Potrà tornarvi molto utile avere un memtest per il controllo della RAM a portata di usb, per fortuna è integrato nella iso di Ubuntu e possiamo avviarlo inserendo il suo percorso in questo modo:

title Test della RAM
find –set-root /ISO/ubuntu-10.04-desktop-i386.iso
map /ISO/ubuntu-10.04-desktop-i386.iso (0xff)
map –hook
root (0xff)
kernel /install/mt86plus
boot

Ok, ora che tutte le distro sono configurate per l’avvio, vediamo come personalizzare l’aspetto della schermata di selezione che vi si presenterà all’avvio della chiavetta. Aggiungete questo all’inizio di menu.lst:

#Immagine di sfondo
splashimage=(hd0,0)/sfondo.xpm.gz

#Tempo a disposizione
timeout 30
default 0

Questo serve ad impostare un’immagine di sfondo al vostro menù, che però dovrà avere una risoluzione di 640×480, un numero massimo di 14 colori, ed essere salvato in formato .xpm, e poi compresso in .xpm.gz. Vi servirà GIMP o Photoshop per questo, o potete cercare sfondi già fatti per Grub4DOS su internet, o potete scaricare il mio.

La seconda voce serve ad impostare il tempo di attesa, al termine del quale partirà il boot della prima distro in lista.

Ultima nota: è utile avere una funzione di riavvio del pc. Quindi in fondo al menu.lst mettete:

title Riavvia il PC
reboot

Tra ogni sezione che vi ho elencato va messa almeno una riga di spazio, un po’ per corretto funzionamento e un po’ per comodità visiva vostra. Vi ricordo il problema della frammentazione che non fa avviare le iso, devono essere in un unico file contiguo.

Ora la vostra USB multiboot è finalmente pronta e dovrebbe avere questi file:

grub4dos cartella

Mi rendo conto che la prima volta queste cose sono un po’ macchinose, quindi non esitate a chiedere chiarimenti! Spero di esservi stato utile.

SEE YA!

USB multiboot – parte 1/3

USB multiboot – parte 2/3

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: