Microsoft guadagna su Android, grazie ad HTC.

ballmer_android

Si avete capito bene. Di certo avete presente Android, e di certo avete presente Microsoft. Allora come diavolo fa MS a guadagnare su un software open source sviluppato da Google? In uno dei modi più classici che usa Micro$oft per far soldi sporchi facili: sfruttando il suo strapotere nel mondo informatico.

Più di un anno fa, MS aveva fatto causa a Google e ai produttori di smartphone Android per la violazione di alcuni famigerati brevetti che gli apparterrebbero, chiedendo una “tassa” per ogni smartphone Android venduto.
Non è la prima volta che fa una cosa del genere: quando la concorrenza è forte e porta una novità, Micro$soft dice che era un suo brevetto e tenta di mangiarci sopra. Basti pensare che un paio di decenni fa fece causa ad Apple perché avrebbe copiato il concetto di “finestra” nella grafica del suo sistemo operativo. Causa che perse e, fra l’altro, dimostrò che fu Apple ad inventare la finestra ed è stata MS ad averla copiata in seguito.

Quando cercò di campare diritti sul progetto Android sia Google che la maggior parte dei produttori non si piegarono, semplicemente perché erano le solite accuse campate per aria. HTC invece cedette, probabilmente per evitare anche solo la possibilità di problemi legali. Fatto sta che da aprile 2010 per ogni smartphone HTC con Android venduto, MS guadagna 5 dollari.
Certo sembrano spiccioli ma, essendo Android la piattaforma che domina il mercato mobile al momento, oggi gli analisti hanno quantificato che Android fa guadagnare a Micro$oft il doppio rispetto a Windows Phone… e parliamo in totale di milioni di dollari!

Questo non significa che non si debbano comprare prodotti HTC ovviamente, è un’ottima marca, anche se avrei preferito un po’ più di coraggio da parte sua intanto perché è dalla parte della ragione, secondo perché sarebbe stata affiancata da altri colossi come Google, Samsung, Motorola ecc…
Di certo non sarà ne la prima ne l’ultima vicenda di questo tipo, però è l’ennesima prova del detto: “Microsoft danneggia anche chi non usa i suoi prodotti”.

Micro$oft praticamente se ne va in giro a chiedere il pizzo quando gli fa comodo, e pretende pure di avere la legge dalla sua parte!!! Io dico che certa gente dovrebbe essere mandata sotto un ponte a pedate!

“E non ho altro da dire su questa faccenda…”

Annunci

11 Risposte to “Microsoft guadagna su Android, grazie ad HTC.”

  1. MasterPJ Says:

    Le critiche sono ben accette quando argomentate, tranquillo 🙂
    Il sentimento comune non è tanto comune se guardiamo le statistiche di utenza Microsoft… ma la cosa buona di chi capisce davvero la mentalità gnu/linux è che la prima cosa essenziale nell’informatica (come in tutto il resto) è la libertà individuale. Quindi si può criticare una multinazionale per certe scelte, ma le scelte di ogni utente sono legittime e infatti questo articolo si rivolge a MS in se, non alla sua utenza.
    Anzi, da utente linux ti dirò che mi vergogno per gli utenti linux (o che si spacciano per tali) che come miglior passatempo hanno quello di fare la guerra con gli utenti Apple e MS. Così dimostrano solo ignoranza e di non aver capito una cippa della filosofia gnu/linux.

    Per questo è importante ragionare individualmente e caso per caso, il giorno in cui MS farà qualcosa di buono per davvero non sarò certo io a negarlo.

  2. Marco Says:

    Volevo precisare che la mia non era una “critica” (non vorrei nemmeno parlare di critica) verso di voi. Era solo una considerazione sul sentimento comune riguardo certe posizioni.

  3. MasterPJ Says:

    Il fatto è che gli accordi partono prima della possibile verifica oggettiva di violazione e di un processo legale, quindi vale la regola innocenti fino a prova contraria. E vorrei vedere che di fronte alla prospettiva di un processo lungo e dispendioso, per di più contro un colosso del calibro di Microsoft, un’azienda sia propensa a concludere pacificamente.

    Marco fatti una lettura di qualche articolo di questo blog e vedrai che sosteniamo Apple quanto Microsoft, cioè ne riconosciamo i meriti commerciali (sapersi promuovere efficacemente a livello di marketing) ma ne critichiamo pesantemente i torti: cioè la pretesa di essere i capi del mondo per via del conto in banca e soprattutto il modo in cui sfruttano questa cosa per liquidare i possibili concorrenti.
    Microsoft dal punto di vista tecnico ha meriti molto limitati se pensi che dal concetto di finestra, all’interfaccia, a diverse componenti o “idee” che spaccia per sue sono il frutto del lavoro di altri, magari meno avveduti a livello legale, questo lo riconosco.

    I tuoi ragionamenti ci stanno, ma il senso critico è bene applicarlo sia alle parti che non ci piacciono sia a quelle che favoriamo (qui da noi noterai critiche pesanti anche verso alcuni punti del mondo linux per esempio).

  4. Sanzo Says:

    Io non ho mai difeso Apple e se leggi gli articoli di questo blog capisci da solo che le mode sono temi che noi non difendiamo, ma anzi critichiamo.

    Non ho mai detto che windows è il male assoluto, dico solo che ha portato anche del male e i suoi meriti sono più dovuti a manovre commerciali che altro. Il vendere computer con windows preinstallato è stato uno dei motivi di maggior diffusione. Però non ho mai sostenuto in nessuna tesi che ms sia solo questo.

    Il basic cosa centra con ms? Mica è di sua proprietà, è un’invenzione universitaria (come molte delle più grandi scoperte della seconda metà del ‘900) poi sviluppata dalla ms, ma tra il creare e lo sviluppare c’è una sostanziale differenza; non che non ci siano comunque meriti per chi migliora una cosa già esistente. Rendere migliore qualcosa è lodevole, però se quel qualcosa non esiste cosa fai? I temi più importanti in campo scientifico sono le scoperte/invenzioni. Ad oggi noi lodiamo ancora Edison, Marconi, Meucci, Da Vinci, tutta gente che ha inventato qualcosa che non c’era e ha permesso il progresso. Nella storia ricordiamo le rivoluzioni industriali, non le rivoluzioni industriali v 2.0

    Comunque stiamo uscendo dal discorso, il punto è che il fatto che le società si accordino, non vuol necessariamente dire che siano colpevoli di aver violato dei brevetti, come non vuol dire che non lo siano. Senza prove si può dire tutto e il contrario di tutto.

  5. Marco Says:

    Vabbè, mi sembra abbastanza riduttivo e banale ridurre una delle più grandi società IT a “una buona manovra commerciale”.
    Tutti i sistemi che vanno da Windows 95 a Windows XP sono stati dei grossi passi in avanti per l’informatica (almeno per quel campo). Basti solo pensare al multithreading nativo, linguaggi come il basic, che hanno iniziato generazioni al mondo dell’informatica, ecc ecc.
    Poi ci sono stati prodotti come Vista che sono stati un buco nell’acqua ma questo non butta nel cesso tutto il resto.

    Mi sorprende sempre quando leggo discorsi del genere. Penso alla politica portata avanti da Apple nei confronti di un pò tutti quelli che hanno anche lontanamente violato qualche suo brevetto. Azioni legali a go go e aggressività. Proprio in questo periodo si sta tentando in tutti modi di bloccare i prodotti Samsung.

    Vi è però una differenza di atteggiamento. Apple va bene perchè è cool ed è l’azienda del momento, Microsoft è il diavolo perchè rappresenta tutto l’opposto.

    Va benissimo essere sostenitori del software libero ma ci vuole anche un pò di onestà intellettuale e riconoscere i meriti di gente che ha creato un mondo partendo da uno stanzino nel deserto.

  6. Sanzo Says:

    Accordarsi non vuol necessariamente dire avere la coscienza sporca, può essere che qualche brevetto sia stato violato come può essere vero il contrario, senza prove certe alla mano sono solo teorie e congetture che lasciano il tempo che trovano.
    Di motivi per accordarsi ce ne possono essere più d’uno, vedi quello economico. Es. la samsgun ha bisogno di soldi veloci e una causa legale che si protrae per mesi può costare davvero molto, mentre un accordo tra le parti può rappresentare una facile via di fuga alle spese, ecco quindi che un accordo (seppur non necessario) sarebbe preferibile a un difendere a spada tratta i propri diritti.

    Useremmo gli stessi identici pc, microsoft non ha inventato nulla di nuovo, il dos che ha reso famoso esisteva già ed è di un ragazzo che l’ha creato nella sua cantina (bill gates l’ha solo comprato per due soldi), le finestre non sono una sua creazione ma di un’altra società. Microsoft ha avuto successo grazie a delle buone manovre di tipo commerciale che l’hanno reso IL sistema operativo.
    Anche il dos era ed è tuttora a riga di comando, linux è difficile perché il computer lo usa chi non lo sa usare e non dovrebbe farlo. Il computer non è facebook, youtube o i siti porno, computer significa lavoro più semplice per l’uomo ovvero calcoli matematici ultracomplessi, lavoro in settori a rischio dove velocità e precisione sono vitali ed altri campi come questi.
    Linux è “difficile” perché è libero, hai così tante possibilità che non sai come usaarle, windows è pieno di vincoli per cui sono due azioni in croce quelle che puoi fare, non a caso windows è ignoranza e la gente non sa ancora formattare, installare un SO o un sw, non sa cosa sia la sicurezza intesa come firewall, antivirus e buon senso.

  7. Marco Says:

    Beh, se colossi come HTC ed altri si sono accordati è probabile che la violazione di qualche brevetto c’è stata.
    Partire in quarta e schierarsi solo perchè ci si chiama Microsoft e si è antipatici a molti informaticanti, non è molto intelligente.
    Vi ricordo che anche Apple (come tutti del resto) applica la stessa politica aggressiva. Appena c’è il sentore di una violazione di qualche brevetto ci si muove per difendere la proprietà intellettuale. I brevetti non vengono dal cielo, sono frutto di investimenti sulle migliori menti in circolazione. Quindi non credo che quelli di Microsoft siano solo delle scimmie con un mouse in mano.

    P.S. Vorrei vedere che tipo di pc useremmo oggi se non ci fosse stata Microsoft nel decennio 1990-2000 con i vari Windows 3.1, 95, 98 e XP (quando Apple latitava senza una guida e Linux era roba a riga di comando per scienziati pazzi)

  8. Paolo Says:

    Veramente il concetto di finestre non l’ha inventato Apple ma Xerox che a sua volta si basava su ricerche fatte a Stanford. Prima di fare affermazioni categoriche sarebbe meglio verificare i fatti.

    • MasterPJ Says:

      Le info che trovai online riguardano Steve Jobs che a quanto pare tramite collaborazioni col presidente di Xerox (e sottrazione più o meno illecita) sul concetto di GUI, e immagino quindi anche di finestra, abbia poi lanciato l’interfaccia grafica a finestre sui sistemi Apple Lisa e Macintosh. Non mi è chiaro sinceramente se sia stata Xerox ad averla effettivamente inventata e Jobs gli ha solo fregato e commercializzato l’idea, ma nell’articolo intendo questo, il concetto di finestra è stato “lanciato” da Apple, non da Microsoft.
      Un po’ come il DOS, per luogo comune è stato creato da Bill Gates, in realtà Bill lo ha comprato/fregato e ci ha fondato Microsoft. L’idea e lo sviluppo non erano suoi, ma viene riconosciuto come un suo prodotto perché l’ha lanciato lui.

  9. winebar Says:

    guarda le mie fonti non so quanto saino affidabili, ma su molti forum si dice che HTC abbia deciso di pagare il pizzo perchè si è accorta che l’interfaccia Sense viola alcuni brevetti M$. E se ne vuoi di più si sa che microsoft avrebbe guadagnato circa 600k $ da WP7, mentre ne ha guadagnati almeno 1,3 milioni da HTC. E come se non bastasse adesso Samsung, che è da fine giugno il maggior produttore di telefonini al mondo (nokia adesso è in 3° pos), pagherà 15$ a microsoft per ogni android venduto. Ho quasi la certezza che la microsoft lo faccia perchè è cosapevole del fatto che per android non ci sono costi delle licenze (google guadagna da pubblicità e vendita sul market), mentre per WP7 le licenze dovrebbero essere intorno a 25$, e adesso vuole “punire” i vecchi power seller M$ perchè gli utenti non sono interessati a quella robaccia su sfondo nero, peraltro chiusa,

    • MasterPJ Says:

      Beh si son tutti soldi sporchi e facili per MS. Ho sentito di Samsung e da un colosso del genere mi sarei aspettato un comportamento migliore sinceramente, guarda caso poco dopo questa vicenda sono stati annunciati anche i primi Samsung con WP7… altro che interessi economici, queste mafiate le stabiliscono a tavolino sempre a discapito degli onesti sostenitore (e sviluppatori) di software open, che si fanno il mazzo per poi prenderlo in quel posto.
      E la colpa di questo è degli utenti, che assistono e nell’ignoranza non fanno nulla per evitare queste cose. Class actions e boicottaggi dovrebbero piovere a fiumi in questi casi.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: