Etica della telefonia mobile: tutti contro il Samsung Galaxy S2!

Negli ultimi mesi Samsung è stata bersaglio di battaglie legali da parte di Microsoft e Apple all’interno del contesto Android. Visti i recenti (orribili) sviluppi ci tengo a fare il punto della situazione e ad esprimere la mia opinione violentemente personale…

So che parlare di etica morale in Italia è come parlare di emancipazione femminile in Afghanistan, non pretendo che più di un paio di utenti arrivino in fondo a quest’articolo ma sono convinto che se di fronte a fatti così assurdi nessuno cerca di dare una scossa, nessuno potrà mai sperare di attivare il cervello e la morale. Di solito, nei miei articoli, cerco di dare un panorama oggettivo limitandomi a qualche commento per lasciare aperta la libertà di opinione, qualunque essa sia. Essendo però questo non un sito commerciale d’informazione ma un blog personale ho deciso d’infiammarmi quanto mi pare e piace, perché sono stufo e mentre scrivo sto scalciando dal nervoso come Stoner nella stalla box Ducati (tranquilli, ho acceso il filtro anti-bestemmie 😉 ).

Prima un sunto dei fatti.
Un passo indietro: l’anno scorso HTC commercializza il Desire, nominato in seguito miglior smartphone dell’anno (alla faccia di iPhone). Microsoft annusa il profumo di soldi facili e… il resto l’ho esposto in un mio precedente articolo.

Questa primavera è uscito il Galaxy S2, modello di punta Samsung con sistema operativo Android. Proprio in questo periodo il SO mobile del robottino verde inizia a dominare il mercato mondiale degli smartphone, il Galaxy S2 rincara molto la dose per via del record di vendite stabilito. Ecco allora che arriva la mela (Apple) marcia (Microsoft) e inizia a far guerra a Samsung su questo modello.
Apple rivendica la violazione di proprietà intellettuali: effettivamente verificate da un tribunale tedesco lo scorso mese, che riguardano il movimento fatto col dito dello scroll laterale nella galleria delle foto, da destra a sinistra (ci torno dopo su questo). Apple vince e Samsung è costretta ad inventarsi scappatoie commerciali per aggirare il problema apparentemente minimo. Rumors dicono che con l’arrivo di iPhone 5 ci sarà da aspettarsi una rivincita coi fiocchi…
Microsoft ancora con la storia di brevetti vari ha provato con Samsung la via seguita con HTC, riuscendo anche questa volta! Dalla scorsa settimana hanno stretto accordi vari su collaborazione e brevetti e per ogni dispositivo Android venduto da Samsung anche M$ guadagnerà qualche eurello.

Veniamo ora al punto…
Apple non sa più che pesci prendere, ha visto il proprio dominio basato su iPhone sgretolarsi in un attimo, il Galaxy S2 è la più grossa spina nel fianco che potesse levarsi e ha fatto di tutto per riuscirci.
Per i melisti: si, sono tutti pretesti! Avete presente lo scroll laterale che Apple contesta come proprietà intellettuale? Ebbene, è presente in decine e decine di modelli, non solo Android, e da un pezzo! Come mai guarda caso la questione salta fuori solo ora e solo per il Galaxy S2? Non siamo ridicoli…
Altra cosa importante: è legittimo e sensato tutelare per legge una proprietà intellettuale? Una proprietà intellettuale non è un prodotto, e nemmeno un software… è ancora più astratto del codice di programmazione: è un concetto logico. Si può brevettare e arricchirsi con un concetto logico solo perché lo si registra legalmente per primo? Se la vostra risposta è si, ecco degli esempi: chi ha inventato l’automobile con i finestrini che scendono nella portiera, avrebbe dovuto arricchirsi per ogni macchina con lo stesso sistema nei finestrini?
Allora perché non rendere proprietà intellettuale il processo logico che serve ad allacciarsi le scarpe? O quello che serve per scrivere? Guadagnerei soldi per ogni essere umano che lo fa ogni giorno. No dannazione! Non si può prendere un processo elementare del cervello e rinchiuderlo in vincoli legali per trarne profitto! E’ proprio quello che fa Apple (e molte altre società informatiche): ciò che contesta a Samsung è un concetto mentale elementare al pari dello sfogliare un album fotografico di pagina in pagina, solo perché è reso cool, digitale e all’interno di uno smartphone non ne cambia la natura. Passare le foto muovendo il dito lateralmente sullo schermo non è un prodotto, non un software, non un codice. E’ un concetto, e un concetto non può e non deve essere privatizzato per fini commerciali.

Passiamo a Microzozz.
Dannazione più che parole mi vengono i conati di vomito. Almeno ad Apple si può riconoscere il (l’unico) merito di aver creato un suo stile e di avere una propria identità. Microsoft… ormai è una barca alla deriva che sta a galla solo grazie al monopolio globale instaurato negli anni ’90. Non riesce più a stare al passo con l’innovazione che Google, Apple e il mondo Linux stanno portando e l’unica cosa che riesce a fare per sopravvivere è vampirizzare la concorrenza.
Google ha accusato M$ di “estorsione” ai danni di Samsung, io invece non la penso così. Penso che sia un vero e proprio pizzo: o mi paghi un tot sulle tue vendite oppure dall’alto della mia posizione dominante sul mercato… semplicemente ti disintegro. Bravi, bravi davvero!
Se un decimo dei soldi che spendono in avvocati li spendessero in responsabili di marketing seri e programmatori degni di questo nome, non avrebbe bisogno di queste mafiate. Ma si sa, la disonestà è la via più facile e, purtroppo, spesso paga di più.

Direte: tu sei proprio un pirla a prendertela così per cose che non ti riguardano. Beh si, ma no! Forse sulle cose di etica mi scaldo un po’ troppo ok, ma il menefreghismo è esattamente il motivo per cui queste cose succedono. Se fossimo in milioni a scaldarci e a fare boicottaggi di massa contro queste aziende che sanno solo danneggiare il mercato, anziché impegnarsi a portare miglioramenti tecnologici per il bene degli utenti… forse qualcosa ne uscirebbe fuori no?
Ok parlo col muro forse ma nel mio piccolo ci provo… non spero di cambiare qualcosa di concreto con questo articolo, piuttosto vorrei ragionare qualcuno sul fatto che l’etica e il vivere correttamente sono cose reali e fattibili, basta accendere un paio di neuroni ed escludere quella vocetta italiana nei nostri geni.

La cosa che mi fa godere come un caimano ubriaco è che ho comprato un Galaxy S2 giusto una settimana fa, non dovendo quindi pagare il pizzo a Microsoft. Piuttosto che dargli 1 solo centesimo abbandono la telefonia mobile e ritorno ai piccioni viaggiatori.

PS: ogni riferimento a persone, cose o società è puramente casuale.

Annunci

2 Risposte to “Etica della telefonia mobile: tutti contro il Samsung Galaxy S2!”

  1. MasterPJ Says:

    Eh si, il mondo open non ha il potere economico per far fronte a queste cose… anche se tecnicamente non ne ha bisogno. Un’arma ancora più forte di tutti i soldi del mondo è il cervello, se le persone iniziassero ad usarlo in massa e ribellarsi a certi comportamenti (come ho detto, per esempio coi boicottaggi di massa), M$ con tutti i suoi soldi non caverebbe un ragno dal buco perché nel momento in cui le persone smettessero di usare i suoi prodotti e si ribellassero alle sua imposizioni allora M$ perderebbe la posizione dominante. Addio dominio, addio soldi, inizierebbe l’era della libertà informatica.
    Utopia. Nel proprio piccolo individuale quotidiano invece qualcosa per migliorare se stessi e chi ci circonda si può fare. 🙂

  2. Yattatux Says:

    Ben detto MasterPJ, condivido pienamente il tuo post che ho letto davvero con molto interesse. Il problema di microzoz è per l’appunto il monopolio che ha acquisito e l’IMPOSSIBILITA’ per il normale utente/acquirente di bloccare il suo strapotere. ESEMPIO LAMPANTE: guarda il nuovo Nintendo 3DS, non piace, non è gradito, la gente semplicemente non lo compra e… Nintendo ora lo vende al 30% del prezzo di lancio. Ma per microzoz? Voglio comprare un pc, magari un notebook che mi fa comodo anche da portarmi al lavoro, cosa compro? ho un parco di centinaia di Note, ma… il 90% monta win… Cosa dovrei fare? andare a spulciare quelli senza S.O.? Son daccordo, ma se io voglio proprio un certo modello? Sono sincero, io personalmente ho da poco comprato un Sony vaio e in rete non esiste il vaio senza S.O. ergo, ho finanziato Microzoz… ancora una volta. Il suo strapotere è quasi inattaccabile e anche se la gente cambia la mentalità rimane difficile cambiare la situzione in questo settore purtroppo. Stesso discorso per il mercato Smartphone, winphon è una cagata e questo porta ad usare mezzucci legali (!) da parte della grande M a discapito di altre aziende che cercano di lavorare (forse) onestamente.
    Per il discorso proprietà intellettuale io mi sento indignato quanto te, ma nessuno purtroppo ha citato la grande M per aver copiato sul w7 il cubo di compiz per esempio… o nessuno ha citato la mela per aver copiato i repository Linux creando il suo melastore e tante, ma tante altre idee GNU/Linux…
    Il problema è che servono soldi, parecchi soldi per farsi valere in tribunale e il mondo Open non ne ha…
    Sembra che ancora una volta il ricco mangia il povero e ci riesce, ma per quanto tempo ancora?
    Un saluto e ancora complimenti per il vostro blog.
    Yattatux. 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: