Chakra Linux 2012.08 Claire – recensione

chakra-logo3

Piccole donne distro crescono. Il continuo fluire di aggiornamenti ha di recente trasformato Archimedes in Claire, le novità abbondano e i miglioramenti sono tangibili. Dopo diversi giorni di utilizzo e test vi riporto tutto ciò che c’è da sapere sullo stato attuale di Chakra Linux.

chakra-claire-1

Da quando vidi Chakra per la prima volta, meno di un anno fa alla fine del ciclo Edn, sembra un’altra distro da tanto è migliorata.
Prima di tutto kde in versione 4.9 è più bello e reattivo che mai, si ha una sensazione di leggerezza e velocità ancora maggiore che in passato e alcune applicazioni, come dolphin, sono state ulteriormente rifinite. E’ stato fatto un lavoro superbo anche dal punti di vista grafico, il nuovo tema kdm chiamato Dharma è minimale ed azzeccatissimo, per non parlare dei temi plasma Caledonia e Helium che in due look opposti riescono a superare perfino il precedente tema Ronak. Se poi aggiungiamo il tema del grub e le icone aggiornate otteniamo un lavoro superbo a 360°.
Il nuovo kernel 3.4.6, abbinato agli ultimi driver video e a kde 4.9, fa letteralmente volare Chakra e il ramo stabile è una roccia come sempre, molto più di alcune distro non rolling che ho testato in passato.

Per fortuna ho cambiato un hard disk la scorsa settimana, così ho avuto l’occasione d’installare Claire da zero ed assaggiare Kapudan. Non è altro che un programma che si avvia in automatico al primo boot e permette di configurare in modo guidato diversi aspetti, come le cartelle della home, il tipo di menù da utilizzare, il wallpaper, il mouse, alcuni servizi e altre cosette minori ma comode. E’ vero che mantenere nel tempo Chakra richiede un po’ di preparazione e di smanettamenti, rispetto ad Ubuntu per esempio, ma la configurazione di base grazie a Kapudan diventa la più facile ed accessibile che io abbia mai visto, e non solo in ambito Linux. Uno spettacolo davvero!

chakra-claire-3

Negli ultimi tempi sono state mosse critiche a Chakra per aver deciso d’interrompere il supporto alla versione 32bit, vorrei far riflettere un attimo. Il team di sviluppo di Chakra purtroppo non è molto grande, mantenere quasi metà dei pacchetti totali, per un’architettura usata da pochi (in percentuale, a detta dei report di download), è un impegno molto grosso per i volontari che mantengono Chakra nel poco tempo che hanno. Lo capisco perché è dura mantenere un blog come questo, figuriamoci una distro! Va anche detto che ormai da molti anni i processori lavorano a 64bit altrimenti mi viene da dubitare sulle generali performance di quel pc, per il quale consiglierei (ci sono già passato) una distro super leggera tipo Lubuntu, e cara grazia.
Oltre a questo bisogna ricordare che gli utenti sono liberi d’installare altre distro se non sono soddisfatti dalle scelte di Chakra, esattamente come gli sviluppatori sono liberi di supportare le architetture che vogliono e fare qualsiasi altra cosa senza rendere conto a nessuno, potrebbero anche chiudere il progetto Chakra domani. E allora? Non ci sono obblighi in una distro GNU/Linux (specie se comunitaria!), perché la libertà ci deve essere ma sempre in entrambe le direzioni.

Tornando a noi, Chakra Claire ha ancora qualche lacuna:

  • non ha un’interfaccia grafica per la gestione del software
  • ha un boot piuttosto lento
  • l’installer Tribe necessita ancora di lavoro per la stabilità
  • non è alla portata di tutti
  • il software gtk è snobbato, salvo i principali in forma di bundle

chakra-claire-4

I primi due punti dovrebbero venire risolti nei prossimi mesi grazie all’arrivo di akabei, shaman e systemd. Tribe migliora di mese in mese, ma finché non potrà gestire in modo autonomo e stabile le partizioni resta un punto debole. Per quanto riguarda la facilità di gestione a lungo termine direi che Chakra è ancora inferiore ad Ubuntu ma i passi avanti pian piano stanno arrivando, basti guardare il superbo Kapudan. Non è nemmeno così complessa come si crede però, per esempio la trovo (per esperienza diretta e per quanto mi racconta Sanzo) più facile di Debian testing.
L’esclusione del mondo gtk da Chakra è opinabilmente una pecca o un vantaggio, personalmente sono per la seconda opzione. I bundle (contenitori montati a mo’ di filesystem) non fanno sentire la mancanza dei maggiori software gtk, come Firefox o Gimp, inoltre secondo me i programmi nativi di kde sono di solito ben superiori alle minimalistiche controparti gnome, infine gli sviluppatori possono impiegare tempo ed energie solo su kde ed i risultati si vedono eccome rispetto a molte distro rilasciate in diversi desktop environment.

chakra-claire-5

Tirando le somme promuovo a pieni voti Chakra Claire, non è ancora una distro perfetta ma la strada intrapresa è decisamente quella giusta. Se solo fino a due mesi fa sarei dovuto andare cauto con quest’affermazione, oggi posso dire senza ritegno che Chakra è il canto del cigno di kde e non ci sono distro che reggono il confronto nella cura del desktop. Se amate kde, e non siete alle prime armi con Linux, vi consiglio di provarla ed abituarvi per un po’ di tempo allo stile unico di questa distro, poi mi direte. 😉

“…è piccola… è disastrata… ma bella… si! Molto bella!”

Annunci
Pubblicato su Chakra. Tag: , , . 11 Comments »

11 Risposte to “Chakra Linux 2012.08 Claire – recensione”

  1. Enrico Basso Says:

    Ma… io che mi sto appassionando ora a chakra e che sul mio pc ho un Intel® Core™2 Quad CPU Q8400 non posso proprio avere Claire..

    • MasterPJ Says:

      Qual’è il problema? Quello è un procio 64bit mi pare…

      • nakki Says:

        Si si proprio un 64 bit, puoi tranquillamente usare chakra enrico!

      • Enrico Basso Says:

        Si si avete ragione..scusate ma sto sto studiando da poco queste cose e mi sono accorto ora di avere un processore a 64 bit …che figura xD pensavo che solo dall’i3 in poi avevano quel tipo di architettura. Bene adesso son più contento. Comunque ho già scaricato chakra e la sto provando su una macchina virtuale..mi devo leggere le vostre guide 🙂
        grazie intanto

        • MasterPJ Says:

          Per qualsiasi cosa avessi bisogno di specifico, e che nln trovi nelle nostre guide, usa pure la pagine delle richieste e ti daremo un mano 🙂

  2. MasterPJ Says:

    Si intendo proprio la sezione news del sito. Per esempio, oggi pomeriggio è stato annunciato l’arrivo di kde 4.9.1 negli updates, si informa ancora del nuovo tema, della iso solo in 64bit, dell’obbligo di usare il terminale per gestire il software e anche del passaggio di default a pulseaudio. Basta seguire quella sezione almeno una volta alla settimana, o cmq quando vedi aggiornamenti importanti, e sei a posto.

  3. nakki Says:

    Sto utilizzando da un po’ chakra (qualche settimana, ma in passato la usai più volte per vedere come procedeva lo sviluppo) e devo dire che sono pienamente d’accordo con te: veramente un’ottima distro che sta crescendo come nessun’altra.
    Ho installato se non sbaglio dall’ultima iso di archimedes e poi aggiornato a claire (partito da kde 4.8.3 e adesso 4.9) ma una cosa di cui mi sono accorto leggendo il tuo articolo e a cui credo vada data un po’ più di attenzione: io avevo il tema ronak su kdm (di default su archimedes) e nonostante gli aggiornamenti il nuovo tema non solo non si era impostato ma non l’avevo proprio installato. Lo stesso vale per la schermata d’avvio.
    Lo stesso discorso per kapudan che non si era installato e sono andato ad installarlo io.
    Non è una grossa lacuna lo so, ma se ci pensate un utente che ha installato chakra da mesi se non anni (essendo rolling non sorprenderebbe la cosa) e semplicemente aggiornando non si accorgerebbe delle novità estetiche e di abbellimento. Rimarrebbe con lo stesso tema ecc… Certo kde aggiornata come tutto il resto ma le novità dovrebbe andarsele a vedere, e non nel sito ma cercare nei blog come questo. Dovrebbero IMO integrare le novità con gli aggiornamenti, magari avvertendo l’utente della nuova installazione.
    Per il resto non ho altro da dire: stabile veloce e reattiva (tranne al boot).

    Davverto una distro accogliente e ben fatta!

    • MasterPJ Says:

      Hai ragione quando dici che con l’arriva di un nuovo tema un utente non lo nota, successe la stessa cosa quando usavo neda ed uscì ronak. La motivazione però è che essendo pacchetti diversi che non sostituiscono quelli precedenti, non vedo modo di avvisare l’utente tramite pacman -Syu perché è un semplice nuovo pacchetto arrivato nei repo. Per contro ricorda che un utente Chakra dovrebbe sempre seguire almeno settimanalmente il sito ufficiale perché capita che degli aggiornamenti richiedano accorgimenti dell’utente o interventi manuali, quindi in teoria (ma anche in pratica) l’utente è sempre al corrente degli sviluppi. All’uscita di Claire c’è stato l’annuncio che tutti di certo hanno visto nel giro di qualche giorno, al che bastava leggere il changelog ed installare il nuovo tema annunciato. Come ripeto sempre, Chakra non è per niubbi totali 🙂

      • nakki Says:

        Per guardare il sito intendi guardare la sezione news e leggere gli annunci o c’è un’altra sezione particolare per vedere le modifiche?
        grazie

  4. Gautam Says:

    Capisco le tue ragioni riguardo l’abbandono dei 32bit.
    Ma utilizzare i 64bit senza sfruttare il supporto delle ABI X32 è incomprensibile… vuol dire rinunciare a risparmiare memoria e velocità del codice…

    • MasterPJ Says:

      Credo che agli addetti ai lavori importi poco del codice compilato per scopi particolari, volevano solo alleggerirsi la mole di lavoro per spendere meglio tempo ed energie. Quando, o se, Chakra sarà diffusa e con molti sviluppatori attivi si potrà tornare sull’argomento.

      Nota per tutti: il difetto del tempo di boot non solo sarà limato con systemd, ma può già essere MOLTO migliorato con e4rat. Ci farò un articolo prossimamente 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: