FSlint

Eppure sono sicuro di averlo già da qualche altra parte…

Vi è mai capitato di avere il dubbio di avere doppioni di file nel vostro computer? Vista la mole di dati che si possiedono, è naturale che ad un certo punto qualcosa (foto, video, canzoni, file di testo, ecc…) si duplichi perché ci si è dimenticati di esserne già in possesso. Si potrebbe fare manualmente un controllo a tappeto di tutto quanto, ma tipo 60 secondi e avete già gli occhi fuori dalle orbite. Il metodo più facile da usare si chiama FSlint, un programmino che si occupa di confrontare l’hash md5 e sha1 di ogni file alla ricerca di copie e lo fa in barba al nome poiché scova doppioni anche se hanno un nome diverso. In realtà ha molte altre funzioni che però esulano dal mio interesse.

Una volta installato e lanciato il programma, ci troviamo davanti alla schermata principale che è piuttosto semplice sia da capire che da usare; tramite i tasti aggiungi e rimuovi si possono inserire i percorsi delle cartelle che vogliamo confrontare; sulla destra si può scegliere se usare la ricerca in modo ricorsivo (ovvero controllando anche eventuali sottocartelle).
La sezione Parametri di ricerca avanzati permette di escludere cartelle che non interessano (sono già comprese alcune di sistema che NON vanno rimosse) e di aggiugnere qualche parametro per ricerche avanzate. I parametri sono quelli del comando find.
Tornando alla scheda Percorso di ricerca, una volta effettuata la ricerca se ci sono file duplicati questi appariranno nella casella centrale con relativo percorso e data. Facendo click destro su una voce (o cliccando sul bottone Seleziona) compare un menu in cui si possono scegliere alcune comode funzioni come: seleziona tutto tranne il primo, seleziona tutto tranne il più vecchio, seleziona tutto tranne il più nuovo. Si può anche usare la selezione mediante wildcard che permette di selezionare tutti i file con la medesima estensione (es. inserendo come wildcard *pdf*), oppure con lo stesso percorso (es. inserendo come wildcard /home/utente/Documenti/*). Oppure si può fare una selezione manuale.

Il tasto Salva permette di salvare le voci selezionate della lista, in un file di testo.

Il tasto Elmina cancella le voci selezionate in modo diretto e PERMANENTE, ciò vuol dire che NON verranno mandate nel cestino.

Il tasto Unisci unisce tutti i file selezionati in uno solo che resta sull’hard disk, ma tutte le voci vengono trasformate in collegamenti fisici o simbolici.

Come ultima nota anticipo che nelle cartelle nascoste della propria home, ci sono alcuni file duplicati appartenenti a numerosi programmi (libreoffice, firefox, ecc…). Questi NON vanno rimossi poiché hanno una ragione di esistere. Il cancellarli comporta problemi QUASI sempre risolvibili.

“Non so te smilzo, ma io mi sto divertendo anche troppo.
Oh oh!
Non dirmelo, stiamo andando verso un’altissima cascata.
Già.
Con massi appuntiti?
E’ un classico.
E andiamo!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: