Chrome, Chromium – sincronizzazione dati

Google, attraverso Chrome e Chromium, offre un servizio simile a quello di Mozilla che abbiamo già visto in: Firefox sync; leggendo questo articolo scoprirete il funzionamento, gli aspetti comuni e le differenze.

Anzitutto è fondamentale avere un account Gmail e, ovviamente, è necessario usare il browser Google Chrome o Chromium (è indifferente); soddisfatte queste due premesse si deve collegare il browser all’account Gmail e per farlo esistono tre possibilità (dagli identici risultati finali):

  1. cliccando sul link accedi nella homepage (foto 1)
  2. cliccando sull’icona a forma di chiave inglese > Accedi a Chrome/Chromium… (foto 2)
  3. cliccando sull’icona a forma di chiave inglese > Impostazioni e sul bottone Accedi a Chrome/Chromium (foto 3)

Ognuna di queste opzioni porta alla stessa schermata in cui si deve accedere al proprio account Gmail, una volta fatto la configurazione base sarà ultimata e il browser si sincronizzerà automaticamente in tempo reale con i dati presenti sul server di Google. Questo vuol dire che se non è la prima volta che accedete, ma lo fate da un browser nuovo, atteso il tempo necessario per scaricare tutti i dati sincronizzati, vi ritroverete con il browser già impostato e personalizzato come quello che usate di solito.

Che cosa viene sincronizzato? Applicazioni, compilazione automatica (i form in cui inserite i vostri dati come nome utente, indirizzo di posta, nome e cognome, etc…), preferiti, estensioni, cronologia omnibox (la barra degli indirizzi o urlbar), password, impostazioni, temi, schede aperte. Di default viene sincronizzato tutto questo. Per ogni browser che intendete usare sarà quindi sufficiente compiere questa prima operazione per collegarlo all’account e sincronizzare tutti i dati in modo da averli su ogni PC. Si ricorda sempre che è bene non lasciare i propri dati (specie quelli sensibili) su dispositivi in luoghi pubblici o facili da rubare.

Dove viene sincronizzato? Su Google dashboard nella sezione Sincronizzazione Chrome il quale è raggiungibile o mediante questo link, oppure cliccando sull’icona a forma di chiave inglese > Impostazioni e quindi sul link Google Dashboard presente nella sezione Accedi (vedi foto 3); io ho solo fato copia-incolla di quel link qui sopra. In ogni istante potrete vedere quali dati sono presenti sul server di Google e cancellarli cliccando sulla voce Interrompi la sincronizzazione ed elimina i dati da Google nella dashboard di Google il cui clic richiederà nuovamente il login per sincronizzazione successive.

Facendo un passo avanti, è possibile personalizzare cosa sincronizzare e il livello di sicurezza del sistema.
Per scegliere cosa sincronizzare bisogna agire in modo diverso rispetto a prima perché altrimenti, non appena si effettua il collegamento del browser all’account, viene sincronizzato tutto e l’unico modo per rimuovere poi i dati è eliminarli dalla dashboard.
Il procedimento da seguire prevede che quando vi vengono richiesti i dati del vostro account Gmail, clicchiate su impostazioni avanzate e che solo a questo punto, nella nuova (quasi identica) finestra che si apre, facciate il login.
Seguendo questo percorso vi si aprirà direttamente l’interfaccia delle impostazioni della sincronizzazione dove potrete scegliere cosa sincronizzare (flaggando e deflaggando le voci che volete) e se cifrare solo le password sincronizzate, oppure tutti i dati (decisamente da preferire dato che comporta più privacy senza dover fare altro). Inoltre si può anche scegliere se usare la stessa password dell’account Gmail o una a vostra discrezione per cifrare il tutto. Nota bene che nel momento in cui decidi di usare una password diversa dovrai reinserirla ogni volta che sarà collegato un nuovo browser all’account e nel caso in cui venisse smarrita, i dati cifrati con essa saranno persi, ma sarà ancora possibile sincronizzarne di nuovi cancellando quelli già sincronizzati.

Quindi, che voi usiate il browser di casa Mozilla o di casa Google avete a disposizione un sistema per passare i dati da un browser all’altro; il periodo in cui bisognava fare il backup delle cartelle delle impostazioni e copiarle negli altri PC è ormai alle spalle!

“Granata in volo figli di troia!”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: