Guida alla configurazione di un pc da gaming – CPU

gaming-pc

Oggi iniziamo con la parte complicata, la scelta del processore. In realtà se lo scopo sono i videogiochi non è troppo difficile, a patto di avere alcune informazioni importanti.

Prima di tutto è bene chiarire una cosa: il processore è importante nei videogiochi solo se questi sono programmati in modo da sfruttarlo in abbinamento alla scheda video. Poi invece ci sono giochi che gravano solo sulla gpu, e la potenza del processore è quasi ininfluente. Per esempio, Battlefield 3 se ne frega totalmente della cpu, mentre Skyrim o Far Cry 3 ci si appoggiano parecchio.
Quindi da un lato non c’è alcun bisogno di spendere cifre esagerate per processori inutilmente performanti, però è giusto anche averne uno potente a sufficienza da non fare da collo di bottiglia in certi giochi, inoltre è un componente che difficilmente si guasterà nel tempo… quindi conviene investire su un modello piuttosto buono per farlo durare molti anni.

Secondo punto: Intel o Amd?
Qui è bene fare un discorso oggettivo con benchmark alla mano per non dare spazio ai fan boy. I test sintetici per ora non ci interessano, sono solo 4 i fattori da prendere in considerazione: performance con giochi reali, consumo, temperature e prezzo.

Per quanto riguarda le prestazioni, è abbastanza evidente che la maggior parte dei giochi (e non solo) viaggiano molto meglio su cpu Intel, non è perfettamente chiaro il motivo ma è così. Non è solo un discorso di caratteristiche dichiarate, ma proprio come lavora il processore e come elabora le istruzioni, sennò non si spiega come un procio Amd debba avere il doppio dei core di un Intel per stargli dietro e a malapena.
Sul lato consumo e calore anche qui vince Intel, riesce ad ottenere soluzioni ad alta efficienza che sviluppano relativamente poco calore. Il tallone d’Achille di Intel è il prezzo, per i modelli di punta arriva a cifre a dir poco ridicole per un uso casalingo.

Facciamo un esempio pratico, che poi è quello che ci interessa più da vicino ed è anche quello che mi ha portato a scegliere il mio processore.
Fascia media, intorno ai 200 euro. Qui già troviamo il modello di punta di Amd, FX 8350: una cpu con ben 8 core (reali) da 4Ghz l’uno con buon margine di overclock, una bestia sulla carta! Intel risponde su questo budget con un i5 3570k, un quad-core da 3,4Ghz (3,8Ghz con turbo boost) sbloccato per l’overclock. In base ai dati, Intel dovrebbe rendere meno della metà di Amd, invece se la giocano alla pari e addirittura l’i5 talvolta prevale. Anche nei benchmark sintetici l’andazzo è lo stesso, se aggiungiamo poi che la cpu Amd scalda e consuma quasi il doppio… capite bene dove sto andando a parare. Il perché ci sia così tanto divario tra i due nonostante sulla carta dovrebbe essere l’opposto non chiedetelo a me, ma a chi progetta i processori nelle due rispettive aziende.

Se non l’aveste capito, per circa 200 euro l’Intel i5 3570k Ivy Bridge è il processore che ho comprato e che dopo un buon periodo di test mi sento di consigliarvi senza alcuna riserva. Oltre a queste cifre bisogna andare sugli i7, che raddoppiano i thread e hanno 2mb di cache in più, ma dati alla mano un i7 3770k o addirittura un un i7 3930k (con 6 core + 6 thread) influiscono in maniera davvero infinitesimale sui giochi e non giustificano l’aumento di prezzo di centinaia di euro. Ci ho smanettato abbastanza con questo 3570k, e lo trovo straordinario sia come potenza che come consumi e in overclock si dimostra stabile, a patto di avere un buon dissipatore ma di questo ne parleremo nel prossimo articolo.
Altro fattore per preferire una cpu Intel è l’emulazione: se siete legati a vecchi titoli della generazione Ps2 e Wii, un 3570k è la scelta migliore che potete fare. L’emulazione dipende al 80% dalla cpu, la scheda video occorre solo per risoluzioni follemente elevate o antialiasing. L’hyper-threading degli i7 non viene usato, un i5 è più consigliabile soprattutto in serie K per poter eventualmente aumentare le performance, quindi si torna sempre al 3570k.
Ultimo elemento che favorisce Intel: la scheda madre. Analizzando i modelli di punta per Intel e per Amd delle migliori marche di schede madri, notiamo che il top sul mercato per Amd come qualità costruttiva e features equivale alla fascia media per Intel… per qualche strano motivo. Ma sulle schede madri ci tornerò in modo approfondito più avanti, è un discorso parecchio spinoso da approfondire a parte.

Dipinto così sembra il quadro di un Intel fan boy, tutt’altro. Nell’ultimo decennio sono stato un soddisfatissimo utente Amd, solo che il pc lo usavo solo per scopi produttivi e per il web. Ora che volevo metter su una buona piattaforma da gioco (anche in vista della next-gen) ho dovuto prendere atto dei fatti sopra esposti, che sono poi il sunto di settimane d’insonnia, ricerche e studio sull’argomento. Potete approfondire voi stessi tutto quanto tramite i siti specializzati sull’hardware.

Per concludere, con un budget di circa 200 euro si può portare a casa un 3570k e mi sembra un rapporto qualità/prezzo davvero ottimo. E tenete conto che se serve potenza ulteriore con un buon dissipatore ad aria si raggiungono i 4.2Ghz come se niente fosse e ampiamente in regime di sicurezza, con temperature nella norma.
C’è da dire che è imminente l’uscita della nuova serie Haswell della Intel. Ovviamente ci saranno incrementi prestazionali, come sempre circa del 10/15%, ma bisognerà valutare anche il discorso consumo energetico e prezzo. Diciamo che potrebbe valere la pena aspettare la nuova serie (sempre il modello K di punta i5, per via di quello che ho spiegato) se il prezzo ha lo stesso aumento percentuale delle performance, e se i consumi sono almeno allineati, altrimenti visto quanto la cpu incide sui giochi può convenire ancora un 3570k a prezzo ribassato.

Per oggi è tutto, la prossima volta farò una parentesi sul dissipatore della cpu dato che quello fornito a stock è piuttosto scarsino ed è proibitivo in overclock. Restate nei paraggi.

“E allora, peli di culo”
“Peli? Peli di culo?”
“Sta zitto, patacca.”

2 Risposte to “Guida alla configurazione di un pc da gaming – CPU”

  1. davide Says:

    adesso con l’uscita dei nuovi processori di casa intel gli haswell cosa consigli?

    • MasterPJ Says:

      Resto coerente alla mia valutazione fatta con la famiglia Ivy bridge, cioè se oggi dovessi comprare una CPU per il gaming della famiglia haswell prenderei un i5 4670k.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: