Borderlands 2 – il buon gusto regna

borderlands_2_logo

Eheheh… oggi parliamo un po’ di un titolo che racchiude in se così tante potenzialità e tanta cura da sembrare un titolo dei bei tempi, quando i videogames erano fatti puntando alla qualità e ai contenuti invece che essere un semplice mezzo per far soldi (mi riferisco alla fine degli anni ’90).

Purtroppo per me, sono arrivato molto tardi su questa serie e non ho mai toccato il primo Borderlands… gente che li ha tritati entrambi mi dice che il secondo è solo una versione estesa e dopata, quindi parlando di novità e idee mi riferirò più che altro al brand, non a un confronto fra i due capitoli.

borderlands2_screen1

KABOOM BITCH!
Se dovessi riassumere Borderlands 2 in una sola parola, credo che la più adatta sia: esagerato. E’ un gioco esagerato, sotto tutti i punti di vista, ed è anche il motivo per cui per molto tempo l’ho (stupidamente) snobbato. Mi spiego meglio.
Ha un’impostazione fps con un’enorme simbiosi col genere rpg, infatti dovremo preoccuparci delle statistiche delle armi, del level up tramite punti exp, della vita, della difesa tramite scudi energetici, abilità attive e passive, loot e compravendita di armi ed accessori… insomma, un gioco di ruolo con combattimento fps. A questo dobbiamo aggiungere un mondo diviso in numerose e grandissime aree (non open-world, ma collegate fra loro), liberamente esplorabili, ricche di cose da fare e da scoprire, centinaia di nemici diversi, cinica comicità in agguato dietro ogni angolo, MILIONI di armi diverse (non è per modo di dire), easter egg e citazioni come se piovesse, e una trama buona ma piuttosto semplice, il che è un bene perché di sicuro ci perderemmo pezzi per strada con tutte le cose extra che possiamo fare.
Per chi non lo sapesse il gioco è sviluppato dai talentuosi ragazzi di Gearbox, gli stessi che contribuirono allo sviluppo dello storico Half-Life, che trainò la rivoluzione degli fps… ci possiamo aspettare grandi cose da loro.

Una gioia per gli occhi, le orecchie ed orifizi vari
Grande nota di merito va al comparto tecnico, semplicemente eccezionale. Una grafica impressionante non vuol dire solo mostrare i muscoli in senso stretto, come fa Crysis 3, ma anche e soprattutto saper costruire un mondo di gioco complesso e credibile, per coinvolgere il giocatore ed essere gradevole alla vista. Borderlands 2 fa pieno centro avvalendosi del cell shading, se a prima vista può sembrare un lavoro banale ci renderemo subito conto di quanta cura c’è dietro… oltre ad essere coerente con il clima ironico ed estremo di Pandora, saremo spesso colpiti dalla grandezza delle aree di gioco, dall’incredibile quantità di dettagli, dagli effetti di luce, dai particellari e dai liquidi se potete godervi il Physx di Nvidia. Tutto ciò restando veramente leggero e fluido sulla scheda video, anche se purtroppo in alcune particolari aree la CPU viene caricata più di quanto vorrei vedere.
Il level design è a dir poco superbo, il mondo di Pandora è denso e ricco di costruzioni, percorsi alternativi, coperture, possibilità di verticalizzazione, e pur avendo ambienti molto diversificati per non essere mai ripetitivi riescono in qualche modo a mantenere una logica di fondo, insomma un mosaico vario ma uniforme.

Tanta magnificenza visiva è accompagnata da un comparto audio di pari livello. Le musiche sono varie ed azzeccate, gli effetti sonori delle armi, dei nemici e dell’ambiente con relativo riverbero dei colpi esplosi sono ben diversificati e il doppiaggio (inglese) è semplicemente eccezionale con interpretazioni memorabili, basti pensare a Claptrap e Tiny Tina. Fra i molti “grandi” fps che ho provato negli ultimi tempi devo dire che Borderlands 2 ha di gran lunga il miglior audio direzionale, perché non solo ha un mixaggio preciso che conferisce un’ottima percezione del suono a 360° intorno a noi, ma c’è anche un graduale depotenziamento delle fonti sonore in base alla distanza… inoltre, man mano che ci si allontana dagli NPC, le voci dei dialoghi anziché svanire del tutto passano in una videochiamata dall’effetto metallico, dettagli che denotano la cura degli sviluppatori.

borderlands2_screen2

Time to kill!
Il gameplay è incredibilmente ricco e flessibile, anche se apparentemente Borderlands 2 può sembrare uno shooter futuristico da macello nero, in realtà ha delle meccaniche che richiedono consapevolezza dei propri mezzi e anche non poca abilità. Presto dovremo imparare a padroneggiare gli skill points, i badass rank, tutti i tipi di armi, oggetti come scudi e reliquie, debolezze e resistenze elementali dei vari nemici, i loro punti deboli e le giuste tecniche per abbatterli. Insomma anche se alcune sezioni dall’esterno sembrano solo un uragano di proiettili ed esplosioni, in realtà sono il risultato di una profondità di gameplay non comune.

Contenuti, contenuti, contenuti e se avanza tempo contenuti.
Non è sufficiente?
Allora diciamo che ci sono 4 personaggi, ognuno di loro in base a come volete sviluppare lo skill tree offre due o tre approcci differenti alle battaglie. Senza contare poi che pagando una piccola cifra possiamo resettare le skill e ridistribuire i punti per provare una nuova strada, questo in ogni momento e tutte le volte che lo vogliamo.
Non è sufficiente?
Possiamo sviluppare N personaggi parallelamente (di classe diversa o uguale), per ognuno sarà creata una campagna parallela, e potremo alternarle come ci pare. Il gioco infatti è impostato intorno al pg, non intorno alla storia.
Non è sufficiente?
Una volta finita l’avventura principale viene sbloccata la modalità “True Vault Hunter”, che ci fa iniziare da capo mantenendo tutto ciò che abbiamo ma con nemici più forti, più exp e più armi rare.
Non è sufficiente?
Tramite due piccoli ed economici DLC possiamo aumentare il level cap fino a 72 (11 livelli aggiuntivi cad. DLC) e sbloccare un ulteriore modalità “Ultimate Vault Hunter”, per i malati del farming e del completamento assoluto.
Non è sufficiente?
Queste due difficoltà aggiuntive non sovrascrivono il primo playthrough… ma sono trattate come slot di salvataggio a parte e paralleli, quindi ogni pg lo si può guidare in 3 “strati” di campagna, passando da uno all’altro come ci pare in ogni momento.
Non è sufficiente?
Ci sono 4 grossi DLC, che aggiungono altrettante piccole campagne in nuove zone, con nuovi nemici ed nuove armi e sempre al limite della follia. Avremo anche due nuovi personaggi per nuove scorribande su Pandora, con lo stesso numero di opzioni di quelli base. Ci sono anche DLC minori chiamati Headhunter, per missioni a tema.
Non è sufficiente?
C’è un multiplayer strutturato molto bene, nel senso che un utente hosta con una sua campagna e fino a 3 amici possono collegarsi e far macello insieme con uno dei propri personaggi, ci sono infatti oggetti, abilità e boss studiati per più persone. Tutto ciò si può fare via internet in partita pubblica, ad invito, fra amici oppure in LAN locale… la versione console ha poi la fortuna di avere anche lo split screen, che a noi utenti PC fanno sempre rimpiangere. Sinceramente ho finito il gioco in singolo senza sentire la necessità di compagni, ma in gruppo il divertimento e le possibilità aumentano esponenzialmente.

Tra missioni principali (bellissime), decine di secondarie, DLC, segreti, farming, multiplayer e rigiocabilità parliamo di un gioco a dir poco mastodontico e iper longevo, con un ritmo così alto e piacevole da farti finire la campagna senza lasciare alcun senso di concluso, anzi si torna subito sul campo in cerca di altre missioni e voglia di potenziarsi.

borderlands2_screen3

Anche su Pandora si fa la cacca
Volendo trovare difetti… per me sono solo due: c’è uno stacco troppo improvviso fra la sequenza finale e i titoli di coda, mi sarei aspettato qualcosa di più esplosivo e curato a livello di regia, invece fine.
Il secondo e più grosso difetto sta nelle Golden Key, ovvero delle chiavi usa e getta che aprono una cassa in Sanctuary contenente armi rare e potenti (viola), create a random. Il gioco offre una sola chiave, e poi si deve andare a cercare sul web per ottenerne altre tramite codici che gli sviluppatori rilasciano su canali come Facebook… Cioè io dovrei seguire un social network o cose simili aspettando dei seriali? Non ha senso, è scomodo e inutile. Si poteva studiare una serie di sfide ingame che dessero in premio le key, oppure togliere quella cassa del tutto per guadagnarsi le armi con il loot quotidiano.
L’unica ragione di esistere potrebbe essere agevolare la vita di chi non ha il tempo materiale da spendere in ore di farming, fornendo buone armi tramite codici… praticamente un cheat.

Best Minion EVER!
Borderland 2 è un capolavoro, senza mezzi termini, per grafica, gameplay, longevità, contenuti, carattere e tutto ciò che vi pare. Ci sto rimanendo sotto un botto e c’è voglia di fare cose sempre nuove su Pandora, voglia di trovare nuovi modi per dare soldi random a Gearbox e scimmie che urlano la data di rilascio del prossimo capitolo, il Pre-Sequel.
Se vi piacciono gli fps e gli rpg non state li a pensarci… solo siate consapevoli che vi succhierà via la vita… ma morirete felici XD

“All around the Sta-actus plant, the stalker chased the bandit,
the stalker thought ‘twas all in fun – POP! Goes the bandit…”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: